Peer Network News

Author
Veronica Tiberio
Category
Date
Gen 3, 2024

Come semplificare processi complessi per ottimizzare il tuo business in un’ottica “Composable”

rappresentazione grafica delle composable applications (cubi, linee, grafici in formato vettoriale

Per raggiungere il massimo livello di efficienza operativa e mantenere la competitività nel panorama attuale, è essenziale adottare un approccio di business innovativo. Il concetto di Composable Business supera le tradizionali strutture informative monolitiche, consentendo di creare, combinare e utilizzare in modo flessibile componenti aziendali. Questa metodologia offre un livello di adattabilità e scalabilità che permettono al business di evolvere rapidamente e rimanere all’avanguardia nel mercato in continua evoluzione.

Leggi la nostra sintetica guida e scopri come semplificare, ottimizzare e adottare una mentalità di miglioramento continuo per il successo a lungo termine del tuo business. 

 

  1. Analizza i tuoi processi: Effettua un’analisi approfondita dei processi aziendali esistenti per identificare le aree complesse che richiedono miglioramenti. Focalizzati sulle inefficienze, come le attività ripetitive, i problemi di flusso di lavoro o le attività soggette a errori umani. 

Identificando gli ostacoli che potrebbero causare interruzioni o ritardi, riuscirai a prevedere ed anticipare le vulnerabilità del tuo sistema produttivo. Agendo in modo proattivo, potrai implementare misure preventive, sviluppare piani di contingenza e adottare strategie per mitigare i rischi e, in ultima analisi,  aumentare la produttività e la redditività.  

 

2. Scomponi i processi: Una volta identificate le aree di miglioramento, scomponi i processi complessi in componenti più piccoli e ben definiti: immagina i tuoi processi come un puzzle complesso, in cui ogni componente svolge un ruolo specifico. Scomponendo il puzzle in pezzi più gestibili, puoi analizzare ogni componente individualmente per comprendere il suo funzionamento e l’interazione con gli altri. 

Ciò ti consentirà di avere una visione chiara di come le diverse attività si integrano tra loro e individuare i punti critici che richiedono interventi, sui quali potrai concentrarti in modo mirato. 

Questo approccio modulare e “composable” ti offre la flessibilità di apportare modifiche a componenti specifici senza dover rivoluzionare l’intero processo. Puoi ottimizzare ogni singolo componente e, in seguito, ricomporli in modo efficiente, ottenendo un sistema produttivo migliorato nel suo insieme.

La componibilità ti offre una prospettiva chiara e strutturata sulle attività aziendali, ti aiuta a massimizzare l’efficienza e a ottimizzare il flusso di lavoro complessivo.

3. Costruisci nuovi workflow operativi: Identificare le aree critiche fornisce una base solida per progettare nuovi workflow operativi in modo strategico. 

Durante la progettazione dei nuovi flussi di lavoro assicurati che siano scalabili e adattabili per gestire futuri cambiamenti e complessità aziendali, in modo tale da poter apportare modifiche o estensioni in futuro senza dover ripensare l’intero sistema.

Questo ti permetterà di ottimizzare la produttività, adattarti agilmente e raggiungere una maggiore efficienza nel lungo termine.

Durante questo processo, coinvolgi i responsabili dei vari reparti aziendali per ottenere un’ampia prospettiva che garantirà l’efficacia e la funzionalità dei nuovi workflow. 

4. Valuta soluzioni “composable”: Esplora le soluzioni componibili disponibili (CBAs) sul mercato. Queste soluzioni offrono la flessibilità di combinare e riutilizzare facilmente i componenti in base alle esigenze specifiche del tuo business, consentendo di costruire flussi di lavoro in modo più rapido ed efficiente, in quanto non è necessario partire da zero ogni volta. Puoi selezionare i componenti già disponibili e assemblarli insieme per creare il flusso di lavoro desiderato.

Un aspetto importante da considerare nella valutazione delle soluzioni componibili è la loro capacità di adattarsi alle tue esigenze specifiche, per questo è bene individuare quelle che coprono diverse aree funzionali del business. In questo modo, avrai la possibilità di selezionare i componenti che meglio si adattano alle tue esigenze e che soddisfano i requisiti specifici del tuo workflow operativo.

5. Automatizza i processi: Utilizza l’automazione per semplificare le attività ripetitive e ridurre gli errori umani. In questo modo potrai eliminare attività “manuali” che richiedono tempo e risorse considerevoli. 

Un problema comune nelle operazioni aziendali è la dipendenza da fogli di calcolo e documenti sparsi per tracciare e gestire le informazioni. Questo può portare a confusione, errori e difficoltà nel tenere traccia delle ultime versioni dei dati.

L’automazione, invece, consente di creare componenti modulari che possono essere facilmente combinati per creare flussi di lavoro personalizzati e adattabili.

Può essere uno strumento chiave per semplificare e ottimizzare le attività aziendali, garantendo una maggiore collaborazione, agilità ed efficienza operativa.

 6. Monitora e misura i risultati: Implementa meccanismi di monitoraggio per valutare l’efficacia dei processi ottimizzati. Utilizza metriche chiave per misurare il miglioramento delle performance, come la riduzione dei tempi di esecuzione, l’aumento dell’efficienza o il risparmio di risorse. Questi dati ti aiuteranno a valutare il ritorno sull’investimento e a individuare eventuali aree di miglioramento.

 

7. Adotta una mentalità di miglioramento continuo: L’ottimizzazione dei processi aziendali è un percorso in continua evoluzione. Mantieni una mentalità aperta all’innovazione e cerca costantemente nuove soluzioni per semplificare ulteriormente i tuoi processi. Mantieni il dialogo con il tuo team e cerca il loro contributo per individuare opportunità di miglioramento.

Implementando una prospettiva “Composable”, sarai in grado di semplificare processi complessi, aumentare l’efficienza e ottimizzare il tuo business.